Stanotte

Stanotte devo assolutamente scrivere un post su “Something to write home about” dei Get Up Kids.
E se non sarà stanotte, sarà domani.
Ma sarà a breve!
Perchè questo disco è uno dei Dischi con la D maiuscola.
Talmente maiuscola che credo dovrò rivedere la lista dei 10 dischi fondamentali della mia vita.

Stanotte

Stanotte devo assolutamente scrivere un post su “Something to write home about” dei Get Up Kids.
E se non sarà stanotte, sarà domani.
Ma sarà a breve!
Perchè questo disco è uno dei Dischi con la D maiuscola.
Talmente maiuscola che credo dovrò rivedere la lista dei 10 dischi fondamentali della mia vita.

I casi della vita

Su Twitter (grazie ad una segnalazione di Gecco) da qualche ora non si parla d’altro.
Visto che in questo blog normalmente scrivo tutte le cose assurde su cui mi capita di mettere gli occhi (o le orecchie), vi dico pure questa.
Due anni fa un tizio di Parma aveva scritto questa mail all’arci parmigiana, rea di aver organizzato un live degli Offlaga Disco Pax.
Il concerto venne annullato.

—– Original Message —–
From: “Matteo Bagnaresi”
To:
Sent: Wednesday, April 05, 2006 11:04 AM
Subject: NO partecipazione offlaga a PARMA!

Sono un ragazzo di Parma, affezionato frequentatore dell’Onirika… Come vi è venuto in mente di riaprire la Mitica Onirika , dopo 2 anni di purgatorio … Con un gruppo di imbecilli reggiani che non sanno fare di meglio che comporre canzoni in cui si citano gli ultras della reggiana (…”Grazie Regan, ora bombarda Parma” – vecchio striscione primi anni ’90). Ma questi 4 idioti degli offlaga NON DEVONO METTERE PIEDI IN CIttà!
La gente si sta organizzando per boicottare/far annullare la loro partecipazione… Tiratevi fuori da questa cosa! Annullate la loro partecipazione immediatamente! Questi personaggi non sono degni di suonare al Circolo Onirika di PARMA!
Se non ci penserete voi… ci penserà qualcun altro in maniere FORTI!
Grazie!
(fonte: Rockit)

Lo stesso tizio ieri è stato investito dal pullman dei tifosi della Juve.
L’omonimia mi sembra alquanto improbabile.
Che robe, cazzo!

I casi della vita

Su Twitter (grazie ad una segnalazione di Gecco) da qualche ora non si parla d’altro.
Visto che in questo blog normalmente scrivo tutte le cose assurde su cui mi capita di mettere gli occhi (o le orecchie), vi dico pure questa.
Due anni fa un tizio di Parma aveva scritto questa mail all’arci parmigiana, rea di aver organizzato un live degli Offlaga Disco Pax.
Il concerto venne annullato.

—– Original Message —–
From: “Matteo Bagnaresi”
To:
Sent: Wednesday, April 05, 2006 11:04 AM
Subject: NO partecipazione offlaga a PARMA!

Sono un ragazzo di Parma, affezionato frequentatore dell’Onirika… Come vi è venuto in mente di riaprire la Mitica Onirika , dopo 2 anni di purgatorio … Con un gruppo di imbecilli reggiani che non sanno fare di meglio che comporre canzoni in cui si citano gli ultras della reggiana (…”Grazie Regan, ora bombarda Parma” – vecchio striscione primi anni ’90). Ma questi 4 idioti degli offlaga NON DEVONO METTERE PIEDI IN CIttà!
La gente si sta organizzando per boicottare/far annullare la loro partecipazione… Tiratevi fuori da questa cosa! Annullate la loro partecipazione immediatamente! Questi personaggi non sono degni di suonare al Circolo Onirika di PARMA!
Se non ci penserete voi… ci penserà qualcun altro in maniere FORTI!
Grazie!
(fonte: Rockit)

Lo stesso tizio ieri è stato investito dal pullman dei tifosi della Juve.
L’omonimia mi sembra alquanto improbabile.
Che robe, cazzo!

La barzelletta definitiva!

Magari un po’ vecchiotta ma sempre efficace:

At a recent U2 concert in Glasgow, Scotland, Bono asked the audience for total quiet.
Then, in the silence, he started to slowly clap his hands, once every few seconds. Holding the audience in total silence, he said into the microphone, “Every time I clap my hands, a child in Africa dies.”
From the front of the crowd a voice with a broad Scottish accent pierced the quiet:
“Well, fuckin stop doin it then, ya evil bastard!”

(io l’ho trovata nel blog del boss…)

La barzelletta definitiva!

Magari un po’ vecchiotta ma sempre efficace:

At a recent U2 concert in Glasgow, Scotland, Bono asked the audience for total quiet.
Then, in the silence, he started to slowly clap his hands, once every few seconds. Holding the audience in total silence, he said into the microphone, “Every time I clap my hands, a child in Africa dies.”
From the front of the crowd a voice with a broad Scottish accent pierced the quiet:
“Well, fuckin stop doin it then, ya evil bastard!”

(io l’ho trovata nel blog del boss…)