Krkrk

Tutto bello! A parte il fatto che non riesco ad inviare sms. In compenso li ricevo. Quindi non arrabbiatevi se non rispondo, it's vodafone fault. Ah, voda mi sa che vuol dire acqua da ste parti. Ah, non so nemmeno se questo post comparirà nel blog, visto che non ho mai postato via mail. Magari mandatemi un sms per farmi sapere.

Ah, mi è giunta voce che si trova il nuovo dei Grand Archives: ascoltatelo anche per me, io farò il bagno anche per voi!

Ah.

Mi stanno pigliando per il culo?

Allora.
Ho un frigorifero.
Nuovo di zecca o quasi (ha sette mesi di vita ma ho iniziato ad usarlo da una decina di giorni).
Classe A+ e sticazzi.
Dopo un paio di giorni di funzionamento ci accorgiamo che non raffredda molto.
O meglio: il freezer fa un freddo boia (normale, insomma), mentre il frigo non raffredda un cazzo (robe da 20 gradi, eh).
Chiamo l’assistenza.
Mi mandano il tecnico (pago 26 euro l’uscita del tecnico, perchè passati i sei mesi dall’acquisto l’uscita del tecnico si paga, garanzia o no).
Il tecnico si accorge che la ventola che dovrebbe spingere l’aria fredda dal freezer al frigo non funziona, ci smanetta un po’ e la ventola riparte.
E il frigo comincia a fare freddo.
Ma non freddo abbastanza, secondo me.
La temperatura (sia che io lo imposti su min, med o max) raramente scende sotto i 10 gradi.
Nove volte su dieci è tra i 10 e i 12 gradi.
Allora richiamo il tecnico.
Che torna e ricontrolla tutto (gratis, sto giro).
E mi dice “dipende dalla temperatura della stanza, se ci sono trenta gradi è difficile che faccia tanto freddo”.
E allora penso: “Porcodio, devo tenere sempre l’aria condizionata a bomba per avere un frigo che fa freddo?” e penso anche: “A prescindere da tutto, se io metto il frigo a bomba deve arrivare a 4/5 gradi, a costo di far andare il motore sempre a mille e consumare come un porcodio”.
Il tecnico mi dice di provare quest’ultimo esperimento, ovvero rinfrescando la stanza, per vedere se va a temperatura. Gli faccio notare che di notte non è che ci siano seicento gradi, e comunque il frigo non scende sotto i 10 gradi neanche alle tre del mattino.
Secondo il ragionamento del tecnico, per avere un frigo che arriva a 4 o 5 gradi la stanza dovrebbe essere a venti gradi.
VENTI GRADI???
Cristocane, neanche in groenlandia.
L’alternativa propostami è “se ancora non scende la temperatura cambiamo la scheda del frigo”.
Ho già capito come andrà a finire insomma.
A bestemmie.

Almost ferie

Agosto è un periodo di magra nel blog, da sempre.
Per svariati motivi.
Però le cose interessanti ci sono sempre, è solo che sono troppo pigro per scriverne!
Quindi mi sembra giusto rispolverare il mio tumblr.

Tutto più semplice e immediato.
Un clic e le stronzate compaiono magicamente.
Ecco insomma, diciamo che fino a fine mese tette, culi, canzonette, dischi, video, telefilm, trailer, libri, pornografia e cose meno serie le troverete !
Baci.

Da Bro

Oggi mio fratello ne fa 28.
Da non crederci.
Me and my bro in 1983
Questa è in assoluto la foto più “famosa” in casa mia.
C’è, in vari formati, nella stanza in cui sono ora, in studio da mio padre, in salotto.
Era il 1983 e il pirla più piccolo tra i due non aveva ancora iniziato a comprare almeno una decina di cd ogni mese (e non sto esagerando…), leggere metodicamente un paio di libri a settimana (qui un esempio delle sue letture divertenti e sbarazzine), andare a concerti (la settimana prossima sarà a Londra con la morosa per vedere i Pearl Jam, ad esempio), giocare a basket (da quando ha perso 15 chili devo ammettere che è diventato forse un pochetto più forte di me. un pochetto, eh. non appena io ne perderò 10 mi riprenderò il primo posto tra i cestisti in casa fiorio), tifare Milan e divorare serie tv con regolarità quasi più impressionante della mia (e soprattutto, in mancanza d’altro, riguardarle: nel giro di due settimane ha riguardato le prime tre serie di Criminal Minds, serie che reputo tra le più sopravvalutate ever, ma se mio fratello dice “è figa” un’ulteriore chance proverò a dargliela).
E insomma, anche mio fratello ormai è decisamente adulto.

Ah, visto che spesso mi è stato chiesto “ma per quale cazzo di motivo tuo fratello ha quei nomi così fighi?”, la risposta è “non ne ho idea”.
Buon compleanno, Lorenzo Patrick Eden Boris.
E vedi di farti una cazzo di carta di credito!!!

How to lose friends!

Da twitter:

Condivido dalla prima all’ultima parola.
Soprattutto dopo averla vista in “How to lose friends and alienate people” (film consigliatissimo).
Dana Scully vince 3-0.
Kirsten Dunst 5-0.