Ci si innamora di chi ci si innamora

Il mio amico Carlo perde sempre un sacco di telefoni.
Il mio amico Carlo è un fan del kebab. Chi non?
Il mio amico Carlo ha scritto una lettera bellissima.
Quella lettera è oggi sulla prima pagina di Repubblica.
Leggetela e fatela leggere.

Non sentiamoci in colpa si può essere gay e felici
(di CARLO GIUSEPPE GABARDINI)

Caro ragazzo gay, o bisex, o indeciso o boh, la vita è durissima, spesso è uno schifo, ma la propria identità sessuale non può mai essere un motivo per deprimersi, farsi del male, uccidersi. Scusami se ti scrivo, ma io ho bisogno di dirti una cosa: essere gay è bellissimo. Non è una colpa, non è un atteggiamento che uno sceglie, è normale tanto quanto non esserlo. Ma la cosa che nessuno dice mai è che essere gay è anche bellissimo. Poi a me sta bene che chi pensa che l’omofobia sia il problema, lotti per combattere l’omofobia, foss’anche solo per un motivo simbolico e per accendere i riflettori sulla questione. Ma se tu finalmente ti convinci di essere nella tua squadra del cuore, la più splendente perché meglio definisce i tuoi gusti sessuali, beh, allora che ti frega che — quasi sempre per invidia — quelli di altre squadre ti prendano in giro? Se sono dell’Inter e un milanista mi urla «nerazzurro di merda» io me ne faccio un vanto e magari gli rispondo pure «dimmi, pallosissimo etero!». Poi, ovvio, se vuole menarmi e magari sono pure più di uno, scappo, e se mi fanno del male o anche solo minacciano di farmelo, sporgo denuncia. E non sto dicendo che bisogna subire passivamente, però la questione è che non mi lascio deprimere o far venire dei dubbi, non mi lascio convincere che quello sbagliato sono io, che quindi debba punirmi e possibilmente strapparmi di dosso questa brutta cosa o ammazzarmi. Ma neanche per sogno. E sai perché? Perché essere gay è bellissimo, c’è da metterselo in testa. E poi, rimanendo in metafora, se capisci che fai parte di una squadra, capisci anche — ed è importantissimo — che non sei da solo. C’è stato un tempo antico e pure lunghissimo in cui l’omosessualità non era assolutamente un problema, credo che nemmeno se ne parlasse; poi ci son stati secoli bui e buissimi di oscurantismo, arresti, lotte, morti, e battaglie vinte, e passi indietro, e leggi terribili e pena di morte, e tutto ciò in realtà dura tuttora in troppi luoghi. Però nel 2013 c’è una certezza che nell’intimo nessuno può misconoscere: essere gay o eterosessuali è assolutamente la stessa cosa. È come dire biondo, castano, alto, magro, sportivo, tutte quelle cose che ovviamente fanno parte di noi, ma nessuna di esse presa singolarmente ci definisce del tutto. Ovviamente troverai chi ti dice che le bionde sono stupide e i mancini subdoli, come sicuramente troverai anche degli etero che ti dicono che i gay fanno schifo, e incontrerai dei gay che ti ammoniscono che andare con le donne sia orribile e pericolosissimo, ma sono frange estreme ignoranti, sono slogan da tifoserie, niente che debba preoccuparci davvero. Quando sento qualcuno farneticare dicendo che l’omosessualità è una malattia, la mia prima reazione non è mai violenta o depressiva, piuttosto è la stessa identica che avrei se sentissi qualcuno dire «l’obesità è infettiva» o «masturbarsi rende ciechi»: mi vien da ridere, mi fa pena chi dice queste cose, giuro, mi chiedo dove abbia studiato, mi interrogo se posso aiutarlo in qualche modo e di solito gli sorrido come a un povero scemo, poi se mi va cerco pure di spiegargli che sta dicendo delle stronzate piuttosto umilianti, ma intendo umilianti per lui. Se invece dopo le parole stupide di uno stupido vado a casa a piangere, e penso che farmi del male possa in qualche modo curarmi da questa terribile malattia che è «amare chi amo ed essere quello che sono», sto facendo il gioco dello scemo, e così lui non capirà mai che quello che ha bisogno di essere curato è lui, e penserà addirittura d’aver vinto. Io non ripongo nessunissima speranza negli omofobi, perché sarebbe come chiedere un consiglio a un sacchetto di carta o un bacio a un kiwi. Io vorrei che queste morti più che gli omofobi scuotessero tutti noi non-omofobi a dire tranquillamente che essere gay è bellissimo, stupendo, perfetto. Perché il problema sono i nonomofobi che comunque, spesso inconsciamente, continuano a pensare e far proliferare l’idea che essere gay sia un problema, una colpa, una tragedia, una questione spinosa di cui occuparsi. Non è così. Non per forza. Essere gay è almeno tanto bello quanto non esserlo e essere dell’altro. Anche perché io penso che nella scala fra totalmente eterosessuale e totalmente omosessuale ci siano infiniti gradi. Anzi, penso che ci siano tanti gradi quanti gli abitanti di questo pianeta meno uno, se stessi: perché ci si innamora di un essere umano, non di una sessualità. Io mi innamoro di Alessia, di Salvatore, di Caterina, di Dario, di Elena, di Cezanne, di Monet, di Gadda, di Philip Roth, di Tondelli, della Munro, non delle donne o degli uomini, non dei pittori o delle pittrici, e neppure degli scrittori o delle scrittrici. Ma ve lo immaginate nascere in un posto dove ti dicono: tu puoi amare solo le musiciste donna oppure i tabaccai maschi? Non è così. Ci si innamora di chi ci s’innamora. Punto. Io della mia omosessualità non parlo mai perché penso che non sia una notizia. Ma se la non-notizia di esser gay, nel momento in cui viene dichiarata da tutti i gay, può salvare anche solo un ragazzo dal proprio proposito di suicidio, beh, allora lo dico: io sono gay. E come dice una mia ex fidanzata, è anche per questo che sono adorabile. 



16 pensieri riguardo “Ci si innamora di chi ci si innamora

  1. Ci si innamora di chi ti ama così si hanno energie in più per quel qualcosa che si chiama mondo invece di perdere sempre tempo dietro a chi non ti ama e ti fa solo perdere anni e tempo così arrivi ai 50 anni senza aver vissuto amore e mondo.
    io amo chi mi ama, ho già dato….

  2. Dada nn credo purtroppo sia così facile, c'é sempre il detto che al cuor nn si comanda, il tuo commento mi fa pensare più a qualcosa che viene dal cervello, dettato dalla razionalità, certo se fosse così ci sarebbero meno problemi …

  3. tutto bello, tutto giusto, solo che la piccola particolarità dell'omofobia è che un sacco di volte sono i tuoi stessi genitori, quelli che ti hanno creato e da cui dipendi per la prima parte della tua vita, a dirti che essere omosessuale fa schifo e va nascosto. Genitori, ma anche professori, che ne so, catechisti, istruttori, tutti gli adulti che hai intorno e che sono tuoi punti di riferimento mentre cresci. Lì bisogna lavorare. Da lì ci si sente sbagliati, non dagli insulti dei coetanei e/o degli estranei.

  4. Ho appena condiviso questo post su Fb.
    Io sono un po' all' antica, un po' alla Barilla forse, che quando dici coppia, d'istinto penso uomo+donna, e quando dici famiglia penso ancora una volta babbo+mamma+figlio e non genitore 1 e 2.
    È solo una mia associazione di idee, dettata dall' abitudine e non dall'ottusità.
    Questo però è solo quello che penso “d'istinto”.
    In verità però, quello che conta è sempre e solo l'amore, e leggendo post come quello sotto, non posso che dispiacermi di ragionare d'istinto invece che di cuore.
    Se post così servissero a salvare anche un solo un ragazzino in crisi d'identità, lo ricondividerei 1000 volte.

  5. Sei un grande spero davvero che la tua bellissima lettera possa davvero essere d'aiuto a tanti ragazzi e ragazze che hanno difficoltà e fare capir loro che non sono soli e molti etero sono dalla loro parte perché tutto quello che si vuole tutti è essere felici e poter vivere a testa alta un Abbraccio a Tutti silvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...