Io e l’ascolto della musica

Lo ammetto: ho un po’ una fissa per tutto quello che riguarda l’ascolto della musica, pur non essendo assolutamente un audiofilo. Per assemblare lo stereo che sarà una delle punte di diamante della nuova casa (in questo momento è oggettivamente la punta di diamante della casa di Verona) ho chiesto a un po’ di amici, mi son fatto consigliare prodotti che non costassero un occhio della testa ma che facessero bene il loro lavoro (quindi ho assemblato un freak composto da parti indiana line, parti marantz, parti pro-ject e parti yamaha, per il momento). Poi ho una svalangata di cuffie che uso un po’ per registrare e mixare le mie canzonette, per ascoltare musica dal succitato stereo, per ascoltare spotify dal telefono, per isolarmi quando sono in ufficio. Non sono un grande amante degli auricolari perché quasi tutti mi stanno scomodi ma un paio di anni fa ho trovato un paio di auricolari sony che sembrano modellati sulle mie cavità auricolari e da allora ne ho comprati 4 paia, perché un paio m’è caduto in una pozzanghera correndo (sempre detto che correre non mi piace), un paio l’ho dimenticato da qualche parte sui floating piers, un altro paio è stato sventrato dalla Ava e quindi ora il paio attuale lo conservo in una cassaforte. Poi ho anche metodologie d’ascolto imbarazzanti: in questo preciso momento sto ascoltando l’ultimo disco dei Green Day da un paio di speaker minuscoli attaccati al mac mini e mi rendo conto che anche un non audiofilo come me può capire quanto la qualità di questi speaker sia indegna. Colpa della scrivania minuscola che ho in questa casa. Nella nuova casse da mille euro anche per il povero mac mini!

Tutta questa introduzione per dire che in ogni luogo da me frequentato c’è la possibilità di ascoltare musica in almeno due modi diversi in ogni stanza, visto che pure nel bilocale attuale ho un paio di speaker bluetooth in ogni stanza, che spesso trascino pure in doccia con me, perché non è una vera doccia se non ascolto un po’ di musica.

Da un paio di mesi è entrato in casa questo aggeggio della Sony e ha stravolto non solo l’ascolto della musica ma pure la visione dei telefilm quando siamo troppo pigri per alzarci dal letto e guardarli in tv.
sonyPraticamente l’abbiamo trasformato in una soundbar per il macbook, utilissima soprattutto quando, in piena estate, il pinguino sparava l’aria gelida in camera assieme a un rumore degno di mordor, per la gioia dei nostri vicini. E noi cos’abbiamo fatto, per rendere tutti più felici? Abbiamo iniziato a usare questa mini-soundbar per sovrastare il lamento pro-ibernazione.

Ma abbiamo fatto anche di peggio: nella mia auto (una dignitosissima Punto Grande Evo del 2010) c’è il bluetooth, però funziona solo per telefonare, quindi non posso ascoltare spotify, non avendo nemmeno il cavo aux. Quindi? Facilissimo: è sufficiente posizionare questo speaker sul cruscotto (il fondo è molto antiscivolo, evviva) e magicamente l’auto diventa compatibilissima con spotify e posso ascoltare tutto a volumi da galera. Ci ha salvato la vita nei viaggi superiori ai 60 minuti di percorrenza (quindi quasi tutti i viaggi che faccio con ‘sta auto).

Poi ok, fa parte della serie “extra bass”, quindi è l’oggetto perfetto per ascoltare quei generi che tanto puntano sulla cassa pompata, però da totale ignorante vi posso dire che l’ascolto della musica è sempre piacevole, anche ascoltando la roba che piace a me (quindi dai beatles ai band of horses passando per gli smashing pumpkins e arrivando ai green day). L’unico fastidio della funzione extrabass l’ho notato guardando i telefilm, perché a volte i dialoghi diventano un po’ confusi (o magari è pure colpa del posizionamento dello speaker, spalmato comodamente sul materasso) ma è sufficiente disabilitare tale funzione e tutto diventa più cristallino.

Promosso a pieni voti anche l’ascolto in doccia, ovviamente (è impermeabile, nel caso desideraste portarlo proprio “in” doccia). Per la casa nuova sto valutando di pigliarne un altro (visto che si possono “collegare” e utilizzare quindi come canale sx e canale dx) e utilizzarli per far ascoltare come cristo comanda le lullaby renditions alla bimba (non conoscete le lullaby renditions? Rimediate subito!)
Bene, adesso mi infilo gli auricolari e vado a fare due passi.

Ah: il disco nuovo dei Green Day è bellissimo!
https://open.spotify.com/album/5a3LqvNt2nv1B4aRKXmgOV

E pure le lullaby renditions dei Green Day non scherzano!
https://open.spotify.com/album/7l0iAe1xf56h81Bj6QsqLL

One thought on “Io e l’ascolto della musica

  1. Ma veramente ti piace così tanto Revolution Radio?
    L’ho ascoltato parecchio, ma a parte alcuni pezzi non riesco a farmelo piacere.
    Boh.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...